Torchio

Bortolo, il fondatore, aveva un vigneto dal quale ricavava l’uva per la produzione di quel vino che veniva dato agli ospiti che giungevano nell’osteria. Questo torchio vinario, dedito alla produzione di vino, non è quello che utilizzava Bortolo ma bensì quello adoperato dal figlio Rino.  Risale agli anni ‘50 ed è del tipo a Leva con doghe in rovere, vite in ferro e basamento in ghisa