Tappatori manuali per tappi in sughero

Tappatrici manuali in legno rispettivamente di fine ‘800 e primi ‘900 utilizzate per chiudere le bottiglie con il classico tappo in sughero. Alzando manualmente la leva si distingue l’alloggiamento (foro passante) di forma tronco-conica dove viene posizionato il tappo, ed una volta inserito si riabbassa la leva facendo pressione sino a farlo scivolare nel collo della bottiglia che viene così tappata

Tappatore elettrico per tappi a vite anni '60

Tappatrice a motore elettrico della “Capsulit Milano” anni ’60.

Alla bocca della bottiglia, che presenta una filettatura a spirale stampata direttamente nel vetro, viene posizionato manualmente il tappo in alluminio alimentare. Si mette la bottiglia con il suo tappo sotto la testina della tappatrice, si abbassa la leva e quest’ultima operazione fa roteare la testa tappante che ribatte, nel tappo, i filetti presenti nel vetro, creando una chiusura ermetica